Chrome consuma la RAM, come risolvere

Il problema non è di poco conto, visto e considerato che Chrome è il browser più utilizzato al mondo. Chi possiede un sito internet lo sa bene, basta vedere tra le statistiche di Google Analytics per accorgersi di quanto sia utilizzato Chrome. Negli ultimi tempi Chrome consuma la RAM dei PC che hanno come sistema operativo Windows 10. Questo causa molti problemi agli utenti, soprattutto a quelli che non hanno un PC troppo performante. 

chrome consuma la ram

Avrei quasi voglia di consigliare la sostituzione del PC o quantomeno un suo aggiornamento, qualora fosse possibile ma, il nostro sito si occupa soprattutto della risoluzione dei problemi, quindi andiamo a vedere come risolvere questo dannoso problema.

Chrome consuma la RAM, ci pensa la Microsoft

Gli  ultimi aggiornamenti di Windows 10 hanno creato molti problemi, il bug delle stampanti, driver della scheda video non più riconosciuti, riavvii improvvisi, l’ impossibilità di avviare il sistema operativo. Un elemento buono che è stato introdotto nell’ aggiornamento May 2020 è stata proprio la gestione della RAM da parte del sistema operativo ( per gli altri problemi la Microsoft ci sta lavorando ).

Google Chrome, come EDGE ( il browser che ha sostituito Internet Explorer in Windows 10 ) utilizzano il motore di Chromium. La Microsoft quindi ha deciso di implementare una funzionalità all’ interno del sistema operativo che consente a Windows di risparmiare il 30 % di RAM.

Questa funzionalità si chiama Segment Heap e consente di ottimizzare la RAM per ogni app e software installato sul sistema operativo. Questa funzionalità per ora è disponibile solo per EDGE ma, entro poco tempo, lo sarà anche per Chrome. I tecnici stanno lavorando per questa implementazione senza correre il rischio di peggiorare il browser.

Emilio Brocanelli

Potrebbe interessarti anche:

Bug Windows 10 disattiva la licenza: come risolvere

Nuova falla di sicurezza Android: si salva solo Oreo 8.0

Errore Windows 10? Ecco come scoprirne la causa

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.