SSD guasto o danneggiato? Come capirlo

Diciamo subito che un SSD guasto è un evento molto raro rispetto a quello degli hard disk meccanici, anche se il rischio di perdere i dati quando non funzionano più è molto più alto.

Il consiglio infatti e di non mettere mai dati sensibili negli SSD ma utilizzare piuttosto degli hard disk classici. Gli SSD infatti, vanno usati soprattutto per velocizzare il sistema operativo in uso e i programmi in esso installati. Avete notato un calo di prestazioni o qualche problema e volete verificare se avete un SSD guasto o danneggiato? Ecco come fare.

SSD guasto o danneggiato? Come capirlo

Per capire se avete un SSD guasto o comunque che sta per “morire” bisogna, come si fa anche negli hard disk meccanici, monitorare i parametri SMART. I parametri SMART (Self Monitoring Analysis and Reporting Technology) non sono altro che i parametri dello stato del SSD.

In questa pagina ci sono tutti i parametri SMART con il loro ID, che andranno confrontati con CrystalDiskInfo (vedere immagine qui sotto), un software in grado di mostrarvi i dati SMART di SSD e hard disk meccanici.

ssd guasto

Un altro software che vi consentirà di stimare la vita del vostro SSD è SSDLife. Molto leggero ed efficace, questo software permetterà la scansione e l’eventuale risoluzione di problemi del vostro SSD, mettendo così a disposizione un’interfaccia molto intuitiva e completa allo stesso tempo.

SSD Guasto? alcuni consigli per preservarlo

1) Verificate di aver disabilitato la deframmentazione del disco.

Andiamo in Utilità deframmentazione dischi → Configura pianificazione e togliete la spunta alla voce Esegui in base a una pianificazione

2) Controllate che il TRIM sia attivato.

Per farlo:

  • Aprite il prompt dei comandi (CMD) come Amministratore seguendo il percorso Start → Esegui → cmd
  • Digitate: fsutil behavior query DisableDeleteNotify e premete Invio. dovreste avere come risposta 0, cioè il Trim abilitato
  • In caso come risposta riceviate 1, significa che il Trim è ancora disabilitato, per abilitarlo digitate: fsutil behavior set disablenotify 0
3) Non utilizzate MAI tutto lo spazio del SSD.

Lasciate almeno un 10% libero

4) Non utilizzate il vostro SSD…

In contesti dove sono richieste un gran numero di operazioni di scrittura. Gli SSD è meglio utilizzarli per operazioni di lettura, come il sistema operativo stesso o app e software.


Potrebbero anche interessarvi:

2 thoughts on “SSD guasto o danneggiato? Come capirlo

  1. Premetto che questo è il mio 3 hard disk ssd preso on line da 60 giga.usato come secondo hard disk su un portatile…..e in due mesi è diventato non funzionante…lo usavo x scaricare e tenere film… Sono rimasto molto deluso…penso di ritornare ad acquistare hard disk rmp… Poi letto questo articolo vedo molti lati negativi x gli ssd. Corsair nova sata2 da 60gb.

    • Ciao Matteo, mi spiace. Credo anche che tu abbia avuto molta sfortuna, perché è vero che gli SSD hanno anche lati negativi, ma non muoiono subito. Sicuramente hanno vita più breve, magari l’hai comprato da chi l’ha usato parecchio. Io ad oggi preferisco ancora i classici Hard Disk.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.